Il progetto “Ripatransone Community Hub”, intende riqualificare alcuni luoghi nevralgici della città che verranno trasformati in spazi culturali e civici, inclusivi e coinvolgenti. Un lavoro di squadra che si tradurrà in un laboratorio permanente, diffuso e sperimentale, di un nuovo modo di vivere nei piccoli borghi delle aree interne. Un modello di sviluppo locale trasferibile, replicabile e sostenibile.

Il progetto prevede:
– la rigenerazione infrastrutturale di spazi e luoghi fisici di grande valore storico e identitario per il borgo, che saranno restituiti alle comunità dopo essere state risanate da situazioni di degrado e inutilizzo;
– la creazione, negli spazi rigenerati, di un co-working per giovani professionisti e imprese;
– la creazione di un luogo interamente destinato ai giovani tra i 13 e i 35 anni;
– lo sviluppo di percorsi di formazione ed empowerment;
– la digitalizzazione e la restituzione, in realtà aumentata, del patrimonio di interesse storico, artistico e architettonico del borgo;
– lo sviluppo di un videogioco fruibile attraverso app o piattaforme per far (ri)scoprire e valorizzare il patrimonio di Ripatransone sia a un pubblico locale che di turisti;
– la realizzazione di spazi e percorsi verdi dedicati alle mountain bike;
– la creazione di una solida rete tra i soggetti del territorio;
– la valorizzazione dell’identità del territorio attraverso attività didattiche che utilizzano storytelling, teatro e musica.

I partner di progetti sono:
ASSOCIAZIONE CORALE “MADONNA DI SAN GIOVANNI”: partecipa a concorsi, festival, rassegne regionali, nazionali e internazionali. Ha al suo attivo oltre 700 esecuzioni effettuate in città di quasi tutte le regioni italiane e all’estero (Austria, Svizzera, Francia, Principato di Monaco, Repubblica di San Marino e Città del Vaticano). Tra le molte iniziative intraprese, la Rassegna Corale ‘Belvedere del Piceno’, nazionale dal 1983 e internazionale dal 1994.

GRUPPO TEATRALE NUOVO SETTEMMEZZO: il gruppo teatrale amatoriale Settemmezzo è stato fondato a Ripatransone nel 1988 dal maestro Luigino Cardarelli. La compagnia si è ricostituita nel 2019 e ha assunto il nome di “Nuovo Settemmezzo” rinnovando il proprio direttivo, oltre alla veste grafica. Mette in scena commedie brillanti e divertenti riadattate in dialetto ripano dal regista Giorgio Cardarelli sia nelle manifestazioni di piazza, sia nelle rassegne teatrali in tutta la regione; è attivo anche in eventi di recitazione di poesie di famosi autori ripani. Il gruppo teatrale è molto apprezzato dal proprio pubblico, che segue tutte le novità sui suoi canali social.

ASSOCIAZIONE “AVIS COMUNALE DI RIPATRANSONE”: si occupa della promozione del dono e della chiamata dei donatori, cercando di sensibilizzare il più ampio numero di persone al valore della donazione di sangue e dei suoi emocomponenti.

A.S.D. AVIS BIKERS DEI COLLI RIPANI: soggetto di sinergia tra sport, solidarietà e sostegno al patrimonio culturale, ambientale ed enogastronomico ai fini della promozione del territorio. Avis Bikers dei Colli Ripani è un sodalizio impegnato nella diffusione della pratica del ciclismo come strumento di aggregazione e di valorizzazione delle eccellenze del territorio Ripano e Piceno, sano ed ecosostenibile.

CORPO BANDISTICO “CITTA’ DI RIPATRANSONE”: nata per solennizzare i momenti più significativi della ritualità collettiva, ha contribuito in maniera determinante all’educazione musicale dei giovani ripani. Dopo un periodo di sosta nel dopoguerra, la banda ha ripreso la sua regolare attività in occasione dei festeggiamenti di S. Cecilia nel 1979. Dal 1991 è diretta da Roberto Vespasiani.

TANGRAM SOC.COOP.SOC: nata con la convinzione che la cultura, così come l’integrazione e la partecipazione sociale, possano contribuire fortemente a migliorare la qualità della vita della comunità, è impegnata nella continua formulazione di percorsi di partecipazione, di costruzione di reti territoriali, di coinvolgimento della comunità e di ricerca di sistemi di governance partecipata. Realizza attività di animazione socio-educativa e culturale, di assistenza e cura delle fragilità, di promozione e sviluppo locale. I servizi offerti comprendono ludoteche, spazi per bambini/bambine e famiglie, nidi d’infanzia, centri ludico-educativi estivi, laboratori urbani e di comunità, percorsi di promozione e valorizzazione territoriale.

ABILITA SOC.COOP.SOC.: alla base dell’idea di Spazio ABILITA c’è la volontà di contribuire a migliorare la vita della comunità. È per questo che ha realizzato uno spazio aperto ed inclusivo, dove costruire nuove modalità per promuovere il benessere della persona. Un luogo accessibile, inclusivo, versatile e collaborativo, animato da professionisti, organizzazioni ed enti del terzo settore che organizzano attività  ludo-terapiche e riabilitative per minori ed anziani, offrono servizi educativi e didattici per la famiglia, propongono eventi, seminari e formazioni per  per la comunità.

FARM CULTURAL PARK: centro Culturale di nuova generazione in cui la cultura diventa strumento di rigenerazione di un territorio. Istituisce Sou, prima Scuola di Architettura per Bambini e organizza OPP Festival, evento per giovani generazioni. Istituisce Prime Minister, scuola di politica per giovani donne e realizza la Biennale delle Città del Mondo Countless Cities. Crea Parch, progetto di rigenerazione nelle scuole di Favara-Palermo-Roma e inaugura Human Forest, progetto di rigenerazione di un palazzo del 1800 trasformato in Foresta urbana. Vince Festival di Architettura del MIBACT, realizzando la prima personale di Charles Laundry sul tema Creative City. Istituisce Radical She, progetto di rigenerazione con ragazze neet per abbattere gli stereotipi di genere. Evidenti gli impatti che Farm produce su persone e territori, riconosciuti dalle più importanti istituzioni culturali nazionali/internazionali.

MELTING PRO: impresa culturale al femminile nata dalla volontà di sette professioniste di consolidare un’esperienza pluriennale di collaborazione nel management culturale. Aggrega competenze diversificate per offrire un approccio innovativo alla cultura e alle risorse per promuoverla, nella consapevolezza che la cultura possa migliorare la società in cui viviamo e in cui vivranno le future generazioni. Per questo le attività che realizza, su scala nazionale e internazionale, hanno l’obiettivo di aumentare l’accessibilità a patrimoni ed eredità culturali attraverso tecniche basate sulla partecipazione, sulla creatività, sullo storytelling e sull’innovazione sociale con particolare attenzione alla cultura della sostenibilità ambientale.

ASSOCIAZIONE CULTURALE SPACE: nasce grazie al progetto “SPACE. Spazi creativi contemporanei”, iniziativa promossa dal Comune di Ascoli Piceno e co-finanziata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dall’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI). Realizza progetti territoriali di innovazione sociale e culturale con particolare attenzione ai temi della transizione ecologica e digitale.